Sfatiamo i falsi miti sui gatti: la toelettatura

COMPORTAMENTO E VIAGGIARE

22 Apr, 2022

5 minuti

Sappiamo tutti quanto sia importante per i nostri preziosi amici felini mantenersi ben curati. Per questo motivo, molti di noi potrebbero pensare che non abbiano bisogno di essere lavati. Questo è uno dei tanti falsi miti che circolano sui gatti e sulla loro toelettatura. Andiamo a vedere più da vicino quali sono queste convinzioni per capire meglio di cosa hanno veramente bisogno i nostri amati gattini.


Il mio gatto ha bisogno di essere spazzolato?

Il gatto domestico trascorre almeno il 15% della sua giornata in attività di toelettatura, per questo potresti immaginare che non abbia bisogno di essere spazzolato. In realtà, la spazzolatura rappresenta una meravigliosa opportunità per rafforzare il vostro legame e comporta anche tutta un’altra serie di vantaggi.

Ad esempio, aiuta a rimuovere sporco, grasso e pelo morto e migliorare le condizioni generali della pelle. Spazzolare il gatto settimanalmente stimola la circolazione sanguigna, mentre una regolare rimozione dei peli superflui può ridurne la caduta. 

Gatti a pelo lungo – richiedono una spazzolatura quotidiana per prevenire la formazione di nodi, aiutare a rimuovere lo sporco e gestire la caduta del pelo.

Gatti senza pelo – ovviamente non necessitano di spazzolatura, ma hanno bisogno di bagni settimanali per aiutare a gestire l’accumulo di grasso prodotto dalla pelle. Tra un bagno e l’altro, puoi usare un panno umido o una salvietta per bambini per mantenere l’igiene della pelle.


I gatti hanno bisogno di fare il bagno?

Pensando alle abitudini di toelettatura del tuo amico felino, saresti portato a ritenere che non abbia davvero bisogno di essere lavato.

Se il tuo gatto è anziano, obeso o presenta problemi di mobilità, potrebbe aver bisogno del tuo aiuto per mantenere pulito il suo corpo. Se invece è particolarmente sporco, potrebbe trarre beneficio da un bagno.

Se hai qualche dubbio su come fare il bagno al tuo gatto, ecco alcuni suggerimenti su come farlo con successo:

  • Preparazione. Scegli un luogo tranquillo e sicuro come il bagno della tua casa. Assicurati che l’acqua nella vasca da bagno sia poco profonda: dovrebbe sfiorare appena il torace del tuo gatto. Assicurati di non applicare prodotti sul suo muso.
  • Spazzolalo prima di iniziare il bagno. Se il tuo gatto si sente a disagio nell’essere spazzolato e/o lavato, prova a separare le due attività, facendo una piccola pausa oppure offrendogli un bocconcino.
  • Risciacquo! Assicurati di risciacquare accuratamente il tuo gattino.


I gatti hanno davvero paura dell’acqua?

Anche questo è un mito di vecchia data, invece potresti aver visto il tuo gatto giocare con l’acqua che scorre o gocciola da un rubinetto. Ci sono inoltre alcune razze che amano nuotare occasionalmente, come i Maine Coon, Bengala e Turco Van. In effetti, gli scienziati ritengono che l’avversione di alcuni gatti nei confronti dell’acqua abbia a che fare con la natura del pelo, che impiega molto tempo ad asciugarsi. La pelliccia bagnata è estremamente scomoda e asciuga in un lasso di tempo piuttosto lungo. È anche pesante e rende il gatto meno agile, più lento: ciò influisce sul suo istinto naturale di correre quando si sente minacciato.

Quando fai il bagno al tuo gatto, usa dei bocconcini e una voce calma per confortarlo.


Di quali altre cure ha bisogno il mio gatto?

Lavare i denti. Potresti pensare che lavare i denti al gatto sia qualcosa di sciocco, ma si tratta di un altro mito completamente falso. Come per gli umani, lavare regolarmente i denti rinfresca l’alito e limita il rischio di malattie orali nel gatto. Inoltre, spazzolare i suoi denti ti aiuterà a notare qualcosa di insolito o diverso nella bocca e nelle gengive del tuo gatto.

Cura delle orecchie. Controlla le orecchie del tuo gatto una volta alla settimana per rimuovere cerume e/o sporcizia o qualcosa di insolito.

Cura delle unghie e delle zampe. Esamina regolarmente le zampe e le unghie del tuo gatto per individuare eventuali ferite.

Cura degli occhi. Fare un rapido controllo degli occhi del tuo gatto ti aiuterà a notare eventuali differenze nelle condizioni degli occhi, come cataratta o lacrimazione.

Se non ti senti a tuo agio nel fare il bagno o la toelettatura al tuo gatto, chiedi consiglio al veterinario sulle migliori strategie o chiedi aiuto a un toelettatore professionista. Se poi vuoi davvero sfatare tutti i falsi miti esistenti sul tuo amico felino, rivolgiti al veterinario.

CONSIGLIATO