Otite canina: che cos’è e come viene trattata?

SALUTE E PREVENZIONE

  • 4 Ott, 2021
  • LEGGI IN 5 MIN
  • 04/10/2021
  • LEGGI IN 5 MIN

Otite canina: che cos’è e come viene trattata?

Spread the love

Il mio cane ha un’otite?

 

Se il tuo cane scuote la testa o si sfrega le orecchie per terra, oppure appare semplicemente irritabile e infelice, è possibile che la colpa sia da imputare a un disturbo comune l’otite. L’otite è un’infiammazione dell’orecchio che può diventare piuttosto dolorosa per il tuo compagno a quattro zampe.

 

Come ha fatto il mio cane a sviluppare un’otite?

Dal punto di vista anatomico, alcuni cani sono maggiormente predisposti a sviluppare questo tipo di problema, soprattutto se appartenenti ad alcune razze.. I canali auricolari dei cani sono a forma di L, il che rende difficile la fuoriuscita delle secrezioni che vengono prodotte all’interno del condotto. L’otite esterna colpisce il canale uditivo esterno, essa però può evolvere in una otite media, ovvero un’infiammazione dell’orecchio medio. Quando ciò accade, il liquido si accumula dietro il timpano causando pressione e dolore. Le razze come il Cocker Spaniel e il pastore tedesco sono particolarmente soggette a sviluppare l’otite, al pari dello Shar Peis, che ha canali auricolari piccoli, e il Basset Hound dalle lunghe orecchie.

 

Cane_orecchie

Quali sono le cause più comuni dell’otite?

Nei cuccioli, l’otite esterna è spesso causata dagli acari dell’orecchio. Si tratta di minuscoli parassiti che sono anche estremamente comuni e causano terribili pruriti, frequentemente accompagnati da una densa secrezione marrone.

Nei cani adulti, invece, le otiti sono dovute a diversi fattori, che hanno tuttavia una base allergica o ad una ipersensibilità nei confronti di allergeni ambientali o più spesso alimentari. Ciò si verifica in quasi il 90% dei casi. Spesso compare un’eruzione cutanea in qualche parte del corpo nello stesso momento in cui le orecchie del cane vengono colpite.

L’otite può essere causata anche da corpi estranei, soprattutto di origine vegetale, come spighe, che in qualche modo sono penetrati nel canale uditivo del cane provocando infiammazione e possibile accumulo di secrezioni, soprattutto pus, che peggiorano la situazione.

Esistono altre possibili cause scatenanti l’otite del cane. Tra queste:

  • Pulizia mal eseguita dell’orecchio (ad esempio, uso di strumenti non appropriati)
  • Bagni frequenti
  • Punture di insetti
  • Problemi ormonali
  • Disturbi cutanei sottostanti
  • Allergie ambientali o alimentari

 

Come posso verificare se il mio cane ha un’otite?

Il tuo cane non può comunicarti cosa lo infastidisce. Sta a te osservare attentamente eventuali segnali di presenza dell’otite. Essi possono essere:

  • Scuotimento o inclinazione costante della testa
  • Sfregamento della testa e delle orecchie a terra (per calmare il prurito!)
  • Grattamento frequente della testa o delle orecchie con la zampa
  • Arrossamento dei padiglioni auricolari
  • Cattivo odore nelle orecchie
  • Possibile presenza di secrezione dalle orecchie
  • Comportamento aggressivo, soprattutto se vengono toccati sulla testa

Se il cane soffre di otite a seguito di un’allergia, è probabile che anche altre parti del corpo siano infiammate o pruriginose oppure presentino un’eruzione cutanea. Queste eruzioni cutanee si possono trovare principalmente sulle zampe, all’interno delle gambe o sul muso del cane.

Quando la causa dell’otite è un corpo estraneo, i sintomi iniziano abbastanza improvvisamente. Potresti vedere il tuo amico a quattro zampe scuotere violentemente la testa, come per liberarsi da qualcosa entrata nell’orecchio. Inoltre, di norma viene colpito soltanto un orecchio.

Le infezioni dovute a parassiti, invece, sono solitamente croniche. Queste si sviluppano lentamente e i sintomi aumentano nel tempo. E alcune infezioni auricolari, come quelle batteriche o da lieviti, sono associate a un odore particolare.

 

Il trattamento precoce è quello di maggiore efficacia

Se sospetti che il tuo amico cane sia affetto da un’otite, qualunque ne sia il tipo o la causa, è consigliabile consultare immediatamente il veterinario. Se un’infezione acuta persiste per un lungo periodo di tempo, può diventare cronica. Ciò può avere un grave impatto sulle ghiandole del canale uditivo, predisponendo il cane a un’infezione secondaria oppure a problemi di udito persistenti.

Come viene trattata l’otite?

Un trattamento efficace dell’otite è mirato sia ad alleviare l’infiammazione, che è la causa del disagio nel cane, sia ad eliminare la causa scatenante dell’infiammazione stessa. Il tuo veterinario prenderà in considerazione anche eventuali fattori predisponenti. La maggior parte dei cani, indipendentemente dalla causa specifica della loro otite, viene trattata con terapia antinfiammatoria per ridurre dolore e prurito.

Il veterinario potrebbe eseguire un test allergologico al fine di individuare il fattore scatenante dell’otite e, se si sospetta un’infezione, potrebbe effettuare un test con tampone per confermarla. Il veterinario prescriverà trattamenti appropriati in base agli esiti degli accertamenti, siano essi farmaci antiallergici o antibiotici per l’infezione.

Nel caso di un corpo estraneo presente nel canale uditivo, il veterinario lo rimuoverà delicatamente e tratterà l’otite come necessario.

La pulizia delle orecchie prima di qualsiasi tipo di valutazione o terapia topica è solitamente fondamentale e molto probabilmente, il veterinario effettuerà una pulizia accurata. Inoltre, la pulizia delle orecchie aiuterà anche ad eliminare eventuali incrostazioni o biofilm che potrebbero coprire le colonie batteriche impedendo un trattamento efficace.

A seguito del trattamento per l’otite, è spesso necessaria una visita veterinaria di follow-up. Ciò è importante al fine di determinare se il trattamento è risultato efficace e verificare che il fattore primario che ha causato l’infezione non sia più presente.

 

Come posso prevenire le infiammazioni auricolari nel mio cane?

La migliore prevenzione dell’otite è una diagnosi precoce. Sottoporre il proprio cane a visite regolari da parte del veterinario, che includano anche un esame del canale uditivo, può aiutare a rilevare casi lievi e precoci di otite. Sebbene clinicamente parlando esistano poche misure preventive efficaci, vi sono alcune cose che puoi fare per ridurre la probabilità che il tuo cane si ammali. Esse includono:

  • Evitare che durante il bagno entri acqua nel canale auricolare.
  • Se il cane ha peli spessi e folti all’interno delle orecchie, farli tagliare periodicamente dal veterinario o dal toelettatore.
  • Se il cane è soggetto a infezioni auricolari, discutere con il veterinario sull’opportunità di sottoporlo ad accertamenti più approfonditi per scoprire la causa sottostante.
  • Assicurarsi di portare il cane dal veterinario per tutti gli appuntamenti di follow-up e seguire le istruzioni relative ai farmaci e alle applicazioni topiche.

Se il cane ha un’infiammazione auricolare, è estremamente importante fare il possibile per prevenire lo sviluppo di ulteriori complicazioni. Problemi come otite cronica, perdita dell’udito, otite media e patologie auricolari possono essere potenzialmente evitati osservando gli eventuali segnali nell’animale e seguendo le istruzioni fornite dal veterinario.